Please note that on our website we use cookies necessary for the functioning of our website, cookies that optimize the performanceTo learn more about our cookies, how we use them and their benefits, please read our Cookie Policy [link].

Termini di prescrizione del credito

 
Termini di prescrizione del credito
 

La perdita del diritto alla riscossione del credito si determina nel caso in cui il proprio diritto non venga esercitato per un delimitato periodo.

I tempi di prescrizione vengono definiti a seconda della tipologia del credito ed in generale, salvi i casi in cui la legge dispone diversamente, il credito si prescrive in 10 anni (art. 2946 c.c).

Il decorso della prescrizione del credito può essere interrotto con la notifica al debitore di un atto con cui il creditore manifesti in maniera esplicita la propria intenzione di interrompere il decorso della prescrizione oltreché costituire in mora il debitore.

Dalla data di ricezione di tale atto il termine di prescrizione ricomincerà a decorrere.

  

TERMINI BREVI DI PRESCRIZIONE

 

Per alcuni diritti sono previsti termini di prescrizione significativamente più brevi rispetto all'ordinaria prescrizione decennale.

Si prescrivono in cinque anni:

 - le annualità delle rendite perpetue o vitalizie;

 - il capitale nominale dei titoli di Stato;

 - le annualità delle pensioni alimentari;

 - le pigioni delle case, i fitti dei beni rustici e ogni altro corrispettivo di locazioni; 

 - le bollette per utenze domestiche (luce, gas, acqua, telefono, rifiuti);

 - i bollettini - ricevute pagamento ICI;

 - le rate dei mutui;

 - le spese condominiali;

 - le spese di ristrutturazione;

 - Le assicurazioni;

 - Le dichiarazioni dei redditi, IVA e documentazione allegata;

 - Le multe

 - gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi;

 - le indennità spettanti per la cessazione del rapporto di lavoro;

 - i diritti che derivano dai rapporti sociali, se la società è iscritta nel registro delle imprese;

 - l'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori;

- Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito (2 anni per i danni occorsi dalla circolazione dei veicoli)

 

Si prescrivono in tre anni:

 - la tassa automobilistica di circolazione comunemente definita "BOLLO AUTO";

  - il diritto dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni corrisposte a periodi superiori al mese (decorrenti dalla data di cessazione del rapporto);

 - il diritto dei professionisti, per il compenso dell'opera prestata e per il rimborso delle spese correlative;

 - il diritto dei notai, per gli atti del loro ministero;

 - il diritto degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni impartite a tempo più lungo di un mese.

  

Si prescrive in un anno:

- il diritto del mediatore al pagamento della provvigione;

 - i diritti derivanti dal contratto di spedizione e dal contratto di trasporto. Se tuttavia il trasporto ha inizio o termine fuori d'Europa, la prescrizione è di diciotto mesi.

 - i diritti verso gli esercenti pubblici servizi di linea;

 - il diritto al pagamento delle rate di premi assicurativi RC, furto e incendio. Tutti gli altri diritti derivanti dal contratto di assicurazione o di riassicurazione si prescrivono in due anni;

 - il diritto degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni che impartiscono a mesi o a giorni o a ore;

 - le rette scolastiche;

 - gli abbonamenti a palestre, piscine e centri sportivi;

 - il diritto dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni corrisposte a periodi non superiori al mese;

 - il diritto di coloro che tengono convitto o casa di educazione e di istruzione, per il prezzo della pensione e dell'istruzione;

 - il diritto degli ufficiali giudiziari, per il compenso degli atti compiuti nella loro qualità;

 - il diritto dei commercianti, per il prezzo delle merci vendute a chi non ne fa commercio;

 - il diritto dei farmacisti, per il prezzo dei medicinali.

 

Si prescrive in sei mesi:

 -  il diritto degli albergatori e degli osti per l'alloggio e il vitto che somministrano;

 -  il diritto di tutti coloro che danno alloggio con o senza pensione.