Vai al contenuto principale

Questo sito utilizza cookie, anche di terzi, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o, ad alcuni, cookie clicca qui. Cliccando su “accetto i cookie” o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.     

EPR Industry White Paper 2016

Intrum Justitia pubblica il report EPR Industry White Paper 2016, un approfondimento per settore economico dei dati sui rischi di pagamento contenuti nell'European Payment Report. L'analisi è condotta sia a livello paneuropeo sia per i singoli 29 paesi oggetto dell'indagine.

Il report EPR Industry White Paper 2016 fonisce preziose informazioni sull'impatto dei ritardi di pagamento e perdite su crediti pagamenti nei principali settori economici. Quasi i tre quarti (74 per cento) degli intervistati  prevedono che il rischio di pagamento nei confronti dei propri clienti rimarrà stabile per i prossimi 12 mesi, il che è una buona notizia. Tuttavia, il 15 per cento degli intervistati è pessimista e ritiene che il rischio sul credito ai clienti aumenterà. 

Analizzando i diversi settori. La previsione di rischio più alta è quella riportata nel settore della pesca dell'agricoltura e delle foreste (22 per cento), seguita dal commercio all'ingrosso e al dettaglio settore (19 per cento). Considerando invece le perdite su crediti, in Europa il valore più negativo è quello riportato dalle imprese operanti nel settore dell'industria estrattiva (4,6 percento del fatturato totale). Al contrario le imprese operanti nel mercato dei servizi immobiliari sono quelle che registrano il valore più basso di perdite su crediti (1,6 percento del fatturato totale). A livello nazionale, in Italia il record negativo spetta al settore dei servizi alle imprese e liberi professionisti con il 6 percento di perdite su crediti rispetto al fatturato totale. Questo dato è in assoluto il valore peggiore anche a livello europeo.

Richiedi la copia gratuita dell'EPR Industry White Paper