Vai al contenuto principale

Questo sito utilizza cookie, anche di terzi, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o, ad alcuni, cookie clicca qui. Cliccando su “accetto i cookie” o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.     

European Consumer Payment report 2016

I risultati dell’indagine European Consumer Payment Report 2016 condotta da Intrum Justitia su oltre 21.000 consumatori in 21 paesi europei mostrano che le famiglie si trovano sempre più in difficoltà.

  • In Italia, il 34% degli intervistati si trova in difficoltà finanziarie e non riesce a pagare i propri conti. Inoltre ben il 64% ha affermato che nel corso della propria vita ha vissuto un periodo di difficoltà economica.
  • Il 30% degli italiani ha affermato di non avere abbastanza denaro per condurre un’esistenza dignitosa e meno di una persona su cinque afferma che la propria situazione economica sta migliorando.
  • Il 28% degli italiani sta considerando la possibilità di trasferirsi in un altro paese a causa dei problemi finanziari in Italia. Le tre principali nazioni dove gli italiani desiderano trasferirsi sono la Germania (13%), la Spagna (12%) ed il Regno Unito (11%).

I risultati evidenziano la difficoltà delle famiglie ad arrivare alla fine del mese, e molte persone sono costrette a richiedere prestiti per pagare le bollette. In Italia, nell’ultimo anno il 45% delle persone ha pagato in ritardo almeno una bolletta ed il 15% ha richiesto un prestito di circa tre mila euro negli ultimi sei mesi per pagare le spese correnti, chiedendo aiuto soprattutto alla propria famiglia, nel 44% dei casi.

 La famiglia di origine si conferma il più importante ammortizzatore sociale. In Italia una persona su quattro, almeno una volta nel corso della vita, si è trovata costretta, per ragioni economiche, a tornare ad abitare con i propri genitori ed  il 50% degli intervistati pensa che dovrà aiutare i propri figli anche quando questi ultimi se ne saranno andati fuori di casa.

L’incertezza economica degli ultimi anni ha aumentato la propensione al risparmio. Per il 62% degli italiani intervistati risparmiare è diventato più importante. Questa percentuale è più alta della media europea pari al 43%. Tuttavia solo il 42% degli italiani riesce effettivamente a risparmiare qualcosa ogni mese, rispetto al 50% della media europea.

Dalla ricerca emerge anche un forte desiderio di maggiore educazione in merito alla gestione delle finanze familiari. Il 55% degli italiani ed il 59% degli europei vorrebbe aver ricevuto dalla scuola una formazione specifica su questo argomento.

“La nostra esperienza, come società di recupero crediti, prova che se le persone si abituano a richiedere prestiti da giovani tendono poi a rimanere indebitati anche durante il corso della loro esistenza. La società oggi ha bisogno di insegnare ai giovani a gestire e controllare le proprie finanze, e la scuola dovrebbe educare e preparare adeguatamente i giovani ad una realtà economica complessa. Assumersi la responsabilità delle proprie finanze, spendere con moderazione e comprendere appieno le conseguenze di un finanziamento sono tutti temi importanti che necessitano di una maggiore divulgazione.” Commenta Fausto Travisi, Amministratore Delegato di Intrum Justitia Italia.

infographics

Richiedi la copia gratuita dell'European Consumer Payment Report

Richiedi la copia gratuita dell'European Consumer Payment Report