Vai al contenuto principale

Questo sito utilizza cookie, anche di terzi, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o, ad alcuni, cookie clicca qui. Cliccando su “accetto i cookie” o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.     

Amore, soldi e divorzio

Il fatto che il denaro e le condizioni economiche giochino un ruolo importante nelle relazioni sentimentali non è una novità. Più interessante è scoprire che molte coppie in Europa continuano a restare unite solo per una convenienza economica.

Secondo lo studio European Consumer Payment Report di Intrum Justitia, il 15 per cento degli intervistati dichiara di rimanere legato al proprio patner per motivi finanziari e la differenza tra uomini e donne è minima, il 16 per cento degli uomini contro il 15 per cento delle donne. Le differenze geografiche però sono notevoli. Gli abitanti del nord europa sembrano essere meno preoccupati. Solo il 6 per cento degli svedesi ha affermato di non potersi separare a causa di una difficile situazione finanziaria. Seguono  norvegesi ed estoni entrambi al 7 per cento. All'altra estremità il 37 per cento delle coppie francesi afferma che le condizioni finanziarie un motivo per rimanere uniti, seguite dal 30 per cento degli svizzeri e dal 25 percento dei Portoghesi. L'indagine comprende 21 paesi europei.

Il fatto che le condizioni finanziarie possono tenere unite le coppie insieme non è sorprendente. Essere single è molto più costoso, soprattutto in presenza di figli, mentre ad essere una coppia si hanno dei vantaggi di scala. Ciò che sorprende è che non vi sia una grande differenza tra uomini e donne, soprattutto in alcuni paesi dove  la partecipazione al lavoro femminile è bassa, come la Grecia e l'Italia, dice Anita Nyberg, professore emerito presso il Dipartimento di Etnologia e Storia delle religioni presso l'Università di Stoccolma. In Grecia il 14 per cento di uomini e donne afferma che la loro situazione finanziaria è un motivo per non separarsi. In Italia il 10 per cento degli uomini e il 14 per cento delle donne hanno dato la stessa risposta. Quando le coppie si separano però le conseguenze sono molto diverse per i due sessi. Studi precedenti indicano che dopo una separazione in genere gli uomini stanno finanziariamente meglio delle donne. Ciò riflette in gran parte la loro maggiore partecipazione al lavoro e a salari più alti. In generale, sia per gli uomini sia per le donne l'essere finanziariamente indipendenti aiuta. Ci sono prove che le donne, che spesso lavorano a tempo parziale, tendono ad aumentare l'orario di lavoro in caso di divorzio, continua Anita Nyberg. Le condizioni finanziare influenzano le coppie anche in altri modi. I divorzi sono più frequenti tra le famiglie  a basso reddito rispetto alle famiglie più ricche ed in generale  tendono ad aumentare durante periodi economici più difficili, conclude Anita Nyberg.

Richiedi la copia gratuita dell'European Consumer Payment Report

Richiedi la copia gratuita dell'European Consumer Payment Report