Vai al contenuto principale

Questo sito utilizza cookie, anche di terzi, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito da parte degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o, ad alcuni, cookie clicca qui. Cliccando su “accetto i cookie” o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.     

Intrum justitia a Supporto della legislazione Europea

Dietro le quinte della Commissione Europea: incontro con Kajsa Stenström rappresentante di Intrum Justitia a Bruxelles che ha portato all'attenzione dei legislatori europei i risultati dello studio European Payment Report.

Il rapporto European Payment di Intrum Justitia fornisce dati importantissimi per il lavoro della Commissione europea, che è in procinto di decidere su una possibile revisione della direttiva sui ritardi di pagamento.

In Europa i ritardi di pagamento da parte delle aziende e delle autorità pubbliche hanno effetti molto negativi sulla crescita e sull' l'occupazione. Nel 2011 l'Unione europea ha adottato la direttiva europea sui ritardi di pagamento, al fine di combattere questo problema. I risultati dell' European Payment Report di Intrum Justitia (EPR) sono stati e continuano ad essere di fondamentale importanza per l'UE nella redazione e nell'aggiornamento della direttiva.

Il rapporto EPR è stato importante per sensibilizzare la Commissione europea riguardo l'importanza della puntualità dei pagamenti e il loro impatto sulla crescita e l'occupazione. La Commissione apprezza molto questo tipo di statistiche politicamente neutrali e ne ha tenuto conto durante il processo legislativo, dice Kajsa Stenström, che si occupa dei contatti fra Intrum Justitia e le istituzioni dell'Unione. 

L'EPR ed altri studi di Intrum Justitia sono ampiamente utilizzati dalle istituzioni dell'UE, come ad esempio l'aggiornamento della direttiva sui ritardi di pagamento, di cui una bozza è stata pubblicata nel novembre 2015. Tali dati saranno tenuti in considerazione sulla decisione della Commissione riguardo alla necessità di una revisione completa della direttiva.Il tipo di dati imparziali e neutri che l'EPR contiene è difficile da ottenere e anche se la Commissione ha cercato di raccogliere i dati direttamente, direi che oggi l' EPR costituisce la spina dorsale delle statistiche riguardo alla situazione dei ritardi di pagamento in Europa, prosegue Kajsa Stenström. Non appena l'EPR viene rilasciato Kajsa Stenström passa sempre una copia ai funzionari  della Commissione e le altre istituzioni dell'UE interessati e coinvolti su questo tema. Inoltre, Intrum Justitia presenta e partecipa a varie conferenze europee e incontri sul tema dei ritardi di pagamento. Kajsa Strenström mantiene contatti regolari con l'incarico di esplorare quali sono gli argomenti in discussione, ciò che è all'ordine del giorno e come Intrum Justitia potrebbe essere di supporto con dati o informazioni. "Io sono gli occhi e le orecchie di Intrum Justitia all'interno della UE e Intrum Justitia è molto rispettato per la sua esperienza", dice Kajsa Stenström.

La direttiva sui ritardi di pagamento doveva essere attuata pienamente in tutti gli Stati membri entro il 2013, ma il processo di attuazione è stato lenta, questo è uno dei motivi per cui è ancora difficile valutare l'impatto, ed è anche una causa del ritardo della revisione. Ci  sono poche prove degli impatti della direttiva sul comportamento in tema di pagamento. Una ragione potrebbe essere che le aziende possono avere timore di esercitare i diritti conferiti dalla direttiva a causa per non compromettere i rapporti commerciali. La direttiva stabilisce termini massimi di pagamento e dà diritto ai creditori di addebitare interessi di mora e richiedere il risarcimento dei costi di recupero.

Richiedi la copia gratuita dell'European Payment Report

Richiedi la copia gratuita dell'European Payment Report